La Collana “Le collezioni della Fondazione Banco di Sicilia”, edita da Silvana Editoriale SpA Milano, è composta da sei volumi dedicati alle collezioni artistiche della nostra fondazione, editi tra il 2009 e il 2015. Il titolo della collana, così come quello dei singoli volumi, presenta ancora la vecchia denominazione Fondazione Banco di Sicilia, perché il progetto editoriale ha avuto inizio prima del 2012, quando la Fondazione Banco di Sicilia ha cambiato la propria denominazione in Fondazione Sicilia.

I dipinti

a cura di Fernando Mazzocca, pubblicato nel mese di giugno 2015.
Prezzo di copertina € 40.
La collezione pittorica esaminata attraversa un arco temporale che abbraccia l’Ottocento e il Novecento, privilegiando opere di artisti siciliani e un genere quale il paesaggio che riflette l’immagine dell’Isola in questi due secoli. Alle opere dei grandi autori siciliani, quali Lojacono, Leto, De Maria Bergler, Catti, Volpes, Attanasio, Sciuti, Guttuso, Rizzo, Dixitdomino, si affiancano opere realizzate da artisti affermatisi a livello nazionale nel XIX e nel XX secolo: Boldini, Zandomeneghi, Irolli, Terzi, Pirandello, Sironi e Schifano.

Le monete

a cura di Lucia Travaini, pubblicato nel mese di settembre 2013.
Prezzo di copertina € 40.
La collezione numismatica è composta da 1246 esemplari di monete siciliane coniate a partire dal periodo borbonico (1282) sino al Vespro (1836). Ogni singola moneta è stata studiata e schedata e la raccolta esaminata nella sua interezza. Abbandonato il desueto ordinamento “gerarchico” (oro, argento, leghe) che rende difficile individuare le fasi produttive delle zecche, le monete sono state studiate secondo un criterio storico.

Le stampe ed i disegni

a cura di Sergio Troisi, pubblicato nel 2012.
Prezzo di copertina € 40.
La collezione, ricca di oltre mille esemplari, rappresenta una raccolta fondamentale per la ricostruzione storica della rappresentazione dell’isola: un viaggio attraverso luoghi carichi di sedimentazioni, ma anche un itinerario che ripercorre le stazioni centrali della civiltà europea.

L’archeologia

a cura di Giuliano Volpe e Francesca Spatafora, pubblicato nel mese di maggio 2012.
Prezzo di copertina € 40.
La collezione archeologica si è formata nel tempo sia mediante acquisti, effettuati da privati e sul mercato antiquario, sia con materiali restituiti dagli scavi archeologici finanziati in varie località della Sicilia, in particolare nelle necropoli di Selinunte. Tra i reperti di incerta provenienza sono presenti non solo oggetti di grande interesse archeologico, a volte rari e di pregio, come la statuina ‘dedalica’, ma anche oggetti falsi, come la teca di specchio pseudo-etrusca. Attenzione particolare è dedicata a tre classi di oggetti inediti: bronzi, monili e vetri

Le maioliche

a cura di Raffaella Ausenda, pubblicato nel 2010.
Prezzo di copertina € 38.
La collezione di maioliche esaminata comprende non soltanto ceramiche prodotte in Sicilia (a Palermo, Sciacca, Burgio), ma anche esemplari di maiolica rinascimentale italiana, nonché alcune produzioni estere (Cina, Turchia, Iran). Spicca su tutti il magnifico piatto di Francesco Durantino, uno dei massimi protagonisti dell’istoriato, la più felice stagione della maiolica italiana.

I francobolli

a cura di Nino Aquila, pubblicato nel 2009.
Prezzo di copertina € 38.
La collezione studiata comprende 1482 esemplari presenti in 900 rarissimi documenti postali relativi alle prime emissioni del regno delle Due Sicilie che ebbero corso nel 1858 per il Regno di Napoli e dal 1859 per il Regno di Sicilia. Tra questi ultimi, spiccano quelli che recano il profilo di Ferdinando II di Borbone, realizzato dal messinese Tommaso Aloysio Juvara, uno dei più insigni incisori della metà dell’Ottocento.